Navbar

Raf Cycle: Riciclo intelligente, dall’etichetta al secchiello per spumante

Raf Cycle: Riciclo intelligente, dall’etichetta al secchiello per spumante Raf Cycle: Riciclo intelligente, dall’etichetta al secchiello per spumante Raf Cycle: Riciclo intelligente, dall’etichetta al secchiello per spumante Raf Cycle: Riciclo intelligente, dall’etichetta al secchiello per spumante Raf Cycle: Riciclo intelligente, dall’etichetta al secchiello per spumante Raf Cycle: Riciclo intelligente, dall’etichetta al secchiello per spumante Raf Cycle: Riciclo intelligente, dall’etichetta al secchiello per spumante Raf Cycle: Riciclo intelligente, dall’etichetta al secchiello per spumante Raf Cycle: Riciclo intelligente, dall’etichetta al secchiello per spumante Raf Cycle: Riciclo intelligente, dall’etichetta al secchiello per spumante

POSTATO DA: Brevetti Waf - 20 Ottobre 2015

Prosegue il successo del progetto RafCycle per il riciclo di etichette autoadesive e supporti in carta siliconata. Brevetti Waf raccoglie la sfida e produce secchielli con gli scarti delle etichette.

"Guarda il video della serata"
Nei primi giorni di ottobre, nell’incantevole cornice di Villa Foscarini Rossi di Stra (Venezia), si è tenuto il RafCycle Gala Dinner, per festeggiare il successo del progetto che dà nome all’evento, organizzato dall’azienda Upm Raflatac, uno dei maggiori produttori mondiali di materiali autoadesivi, e L.C.I., azienda italiana attiva nel segmento delle carte da macero. Il progetto RafCycle ha lo scopo di recuperare e valorizzare tutti gli scarti della filiera dell’etichetta autoadesiva, dalla trasformazione al fine vita.
In particolare, il progetto offre la possibilità di recuperare i supporti in carta siliconata, sottraendoli alla discarica, e di riciclarli in nuova carta prodotta dalle cartiere Upm.
Grazie a RafCycle, le aziende aderenti hanno contribuito a ridurre l’immissione in atmosfera di 1,5 milioni di kg di Co2, risultato importante ottenuto attraverso l’analisi Lca Labellife di Upm Raflatac.

Grazie alla sinergia tra le tre aziende (Brevetti Waf, LC.I. e Upm Raflatac) oggi anche i supporti siliconati in Pet vengono recuperati e rilavorati per la produzione di eleganti spumantiere. Un grande esempio di economia circolare all’insegna della sostenibilità, dove il rifiuto prodotto dalle cantine viene recuperato e trasformato in un nuovo oggetto con un Dna 100% sostenibile, che le cantine possono utilizzare per la loro comunicazione.
Entusiastiche le parole dei produttori di vini presenti, colpidi dal grande passo in avanti che è stato fatto per creare la giusta cultura verso l’ecosostenibilità.